Se la moda passa ma lo stile resta, tutto quel che resta possiamo, a distanza di tempo, definirlo Vintage? 

Con il termine Vintage si intende tutto ciò che ha almeno 20 anni, che ha segnato un epoca, una moda, una tendenza e che è rimasto ineguagliato per stile, successo e diffusione ottenuti.

Il termine “vintage” deriva dalla parola francese “vendenge” e stava ad indicare i vini pregiati, d’annata, poi col tempo la parola è andata trasformandosi ed oggi la si usa per definire un oggetto che, pur essendo stato prodotto diverso tempo fa, mantiene caratteristiche vuoi funzionali, qualitative o estetiche di gran lunga superiori ad oggetti del nostro tempo, tali da suscitare ancora un forte fascino e venir considerato di culto. 

Due grandi esempi di manufatti vintage made in Italy? Le mitiche Vespa Piaggio e la Fiat 500, più vintage di così!!

 Vespa Piaggio

 

Oggetti che nel tempo sono stati riproposti in nuova veste, rinfrescati, ri-modernizzati e  le cui rivisitazioni delle volte sono state un vero flop, altre un discreto successo, ma mai al pari o meglio delle creazioni originali. 

Io amo il Vintage!  Spesso vado per mercatini dell’usato o dell’antico e cerco oggetti da poter inserire nell’ambiente di casa mia, ho comprato 2 vecchie Singer e le ho fatte restaurare, un vecchio grammofono che invece di suonare, gracchia, ma è bellissimo, una vecchia radiolina e una serie di vecchie caffettierine, di quelle che si usavano un tempo per riscaldare il caffè avanzato, perché tempo addietro niente si sprecava.  

Nelle foto sotto potete ammirare le mie due Singer e una vecchia applique in ottone con le mitiche gocce in cristallo che ho recuperato, pulito e lucidato, proprio pochi giorni fa da oggetti che una mia amica stava portando in discarica.

  Vecchia Singer restaurata   vecchia macchina da cucire Singer   applique vintage con gocce in cristallo


Alcuni anni fa ho acquistato per soli 200 € una vecchia Fiat 500 L dell’anno 1972.. il mio anno di nascita.. e se lei è vintage.. eheheheh.. Innamoratissima della mia “cinquina”, ho dibattuto a lungo con mio marito (pantalon pagante) per rimetterla in sesto sia di carrozzeria che di meccanica e nonostante io insistessi per volerla riverniciare di rosso, lui mi ha elencato dei buoni motivi per mantenerla del suo colore originale: blu notte. Restaurarla mi è costato parecchio in termini di denaro ma ne è valsa la pena,sono felicissima ed orgogliosa di averla recuperata e mio marito la tratta come fosse un prezioso gioiello ed è felice di andare a “smanettare” per le vie del paese facendo il galletto attempato, manca solo che indossi un paio di Ray-ban e che canti “da da da” e lo potrei mettere in vendita alla fiera del Vintage.Fiat 500 L anno '72  Fiat 500 L anno '72


In Italia si organizzano numerose fiere dedicate al genere,e spesso nelle piazze e vie dei paesi durante il fine settimana vengono allestiti mercatini dell’antico e dell’usato.

Nella mia zona _tra il lago di Garda e Verona_ sono numerosi i mercatini che a cadenza mensile vengono allestiti a turno nei paesini e io spesso li visito e li ispeziono con molta attenzione in cerca di oggetti che attirino il mio interesse.

Un evento che non mi vorrei perdere e che è prossimo è la Fiera del Vintage che si terrà il 9 e il 10 marzo nel quartiere fieristico a Sant’ambrogio di Valpolicella e che è giunto alla sua terza edizione riscuotendo di anno in anno sempre più successo ed attirando appassionati e collezionisti da diverse parti di Italia. 

Il biglietto di ingresso costa 3,00 per gli adulti e gratis per i bambini sotto ai 10 anni.

 Fiera del Vintage


Due giorni durante quali poter fare un viaggio a ritroso nel tempo, ricordare o scoprire oggetti che hanno lasciato un segno indelebile, riscoprire la moda, le pettinuature, gli stili e le idee originali.

Ci troveremo all’interno di una enorme vetrina con dischi in vinile, quadri, stampe, occhiali, borse, gioielli, abiti e accessori di vario genere e sarà un’opportunità imperdibile per chi è sempre in cerca dell’oggetto raro e autentico. 

All’interno verrà allestito un servizio di sartoria dove poter far riadattare a misura gli abiti acquistati.

Non mancheranno gli stand enogastronomici, aperti sia per pranzo che per cena, dove si potranno gustare piatti tipici della zona e ovviamente non mancherà il celebre vino della Valpolicella.

L’evento a sua volta ospiterà eventi in collaborazione con club, associazioni, scuole professionali e locali, come ad esempio un’area allestita e dedicata interamente ad auto, moto e Vespe dell’epoca; dimostrazioni di balli “swing” e “boogie woogie”; possibilità di farsi fotografare su una Vespa e magari con indosso abiti vintage, per un ricordo che sa di retrò; per tutta la durata della fiera saranno a disposizione truccatori e parrucchieri professionisti per personalizzazioni di look vintage; modelle sfileranno con abiti presi dagli espositori interni alla fiera…. e non dimentichiamo di fare un salto al bar, attorno alle ore 18, per l’AperitiVintage.

Insomma amici, se anche voi amate il Vintage, o anche solo volete passare una giornata diversa o fare un tuffo nel passato, questo evento è l’ideale, io credo proprio che una visita la farò.

Per altre informazioni e per sapere come arrivare vi suggerisco di visitare il sito dell’evento www.valpolicellavivevintage.com

Vi saluto con queste immagini di oggetti vintage gentilmente concessi a mio uso da http://www.muraleswebstudio.com/

 

rasoio da barba vintage    gettoni telefono e biglia di vetro    vecchia macchina da scrivere



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.